........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Riforma Pensioni 2023: presentate le linee guida del Ministero #adessonewsitalia

Il Governo punta a una riforma pensioni che assicuri la sostenibilità del sistema, flessibilità in uscita, adeguatezza delle pensioni future: il 19 gennaio riparte il tavolo con i sindacati.

Il 2023 potrebbe essere finalmente l’anno della riforma pensioni. Il condizionale è d’obbligo, visti gli slittamenti che si avvicendano da anni su questo fronte, ma la ministra del Lavoro Marina Calderone ha effettivamente inserito la riforma nelle linee programmatiche del suo dicastero, illustrate in audizione al Senato.

I punti di partenza fondamentali riguardano gli obiettivi di Governo sulle pensioni e il metodo alla base della riforma, che parte dal tavolo con i sindacati. Vediamo tutto.

 

Riforma Pensioni: sicurezza e certezze

Sono quindi due gli elementi chiave su cui viene posto l’accento: solidarietà e sostenibilità. Calderone definisce così la ratio che la riforma delle pensioni dovrà avere. E’ necessario arrivare a una:

revisione del sistema pensionistico nel segno della solidarietà e della sostenibilità per le future generazioni.

Quindi, un sistema che garantisca sul lungo periodo la sostenibilità dei conti pubblici e l’adeguatezza dei trattamenti previdenziali. Il riferimento alle future generazioni indica la volontà di prevedere meccanismo che tutelino il diritto previdenziale anche a fronte di un mercato del lavoro che spesso comporta carriere discontinue, con il rischio di non maturare un trattamento adeguato.

Stop alle formule a tempo

Pensioni 2023 Pensioni in Legge di Bilancio 30 Novembre 2022 Negli ultimi anni si sono susseguite forme sperimentali di flessibilità in uscita (APE, Quota 100-102-103, Opzione Donna, solo per citarne alcune), che sono anche prorogate in parte dalle Legge di Stabilità 2023, per evitare il cosiddetto scalone. Con la riforma, tutto questo deve cambiare. Un elemento su cui Calderone insiste è infatti la volontà del Governo di “chiudere la stagione delle forme di accesso a pensioni sperimentali“.

I tempi per partire subito non erano ancora maturi per questa attesa svolta: in mancanza di proroghe, infatti, dal prossimo primo gennaio sarebbe stato necessario maturare i requisiti pieni della riforma Fornero per andare in pensione, quindi 67 anni e 20 anni di contributi per la pensione di vecchiaia oppure 42 anni e dieci mesi di versamenti contributivi per gli uomini e 41 e dieci mesi per le donne per la pensione anticipata.

Calderone ha esplicitamente dichiarato di voler evitare «pericolosi scaloni anagrafici». Come quello che si sarebbe verificato senza proroghe da gennaio 2023 rispetto agli attuali requisiti previsti da forme transitorie di flessibilità in uscita, che consentono di ritirarsi con 63 anni (APE), 64 anni (Quota 103), dai 58 o 59 anni (Opzione Donna).

=> Riforma Pensioni: niente scatti anagrafici fino al 2025

Incentivi al ricambio generazionale

La ministra cita infine la necessità di garantire un adeguato ricambio generazionale all’interno del mondo del lavoro, anche:

prevedendo forme sostenibili di compartecipazione fra oneri a carico del datore di lavoro e dello Stato con esodo dei lavoratori più vicini alla pensione e percorsi mirati di staffetta generazionale con doti attrattive di incentivi alle assunzioni che consentano un efficace rilancio dell’occupazione giovanile.

Un meccanismo simile è già stato inserito in Manovra 2023, prevedendo un incentivo a restare al lavoro per chi raggiunge il requisito della Quota 103: il lavoratore può chiedere di non versare più contributi previdenziali, avendo già maturato una pensione, prendendo quindi uno stipendio più alto.

La ministra parla invece di incentivo all’esodo e staffetta generazionale. Si tratta, evidentemente di un punto su cui il dibattito può considerarsi aperto. In generale, si può sottolineare che il sistema previdenziale negli ultimi anni risulta compresso proprio da una duplice esigenza:

  • garantire il ricambio generazionale nel mondo del lavoro, con forme di occupazione stabili che meglio tutelino il diritto a pensione,
  • spostare in avanti l’asticella del pensionamento per chi invece è più vicino alla pensione.

Pensioni di garanzia

Sulle pensioni dei giovani la ministra è stata chiara:

saranno verificate, a favore delle generazioni più giovani, forme di garanzia pensionistica nel caso di carriere contributive discontinue; si disegneranno forme di potenziamento della posizione pensionistica in modo da formare in modo consapevole una futura rendita adeguata al tenore di vita con oneri calcolati secondo i principi generali del nostro ordinamento pensionistico.

Prossimi step

E siamo al metodo: per la ministra Calderone, l’impegno del governo è quello di aprire anche sulle pensioni tavoli di confronto, per considerazioni più ampie, nel 2023. Tradotto: prosegue e si focalizza sulle pensioni l’interlocuzione con i sindacati. La prima riunione sulla riforma pensioni è prevista per il 19 gennaio.

Nelle scorse settimane si sono già svolti alcuni vertici fra esecutivo e le parti sociali sulla Legge di Bilancio, ed è anche stata decisa una roadmap per le riforme future.

Se vuoi aggiornamenti su Governo, pensioni inserisci la tua email nel box qui sotto:

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi di cui alla presente pagina ai sensi dell’informativa sulla privacy.

Abbiamo ricevuto la tua richiesta di iscrizione. Se è la prima volta che ti registri ai nostri servizi, conferma la tua iscrizione facendo clic sul link ricevuto via posta elettronica.

Se vuoi ricevere informazioni personalizzate compila anche i seguenti campi opzionali.

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi di cui alla presente pagina ai sensi dell’informativa sulla privacy.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.pmi.it/economia/lavoro/398493/riforma-pensioni-2023-presentate-le-linee-guida-del-ministero.html”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.