........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Decreto aiuti quater in Gazzetta: cambiano superbonus e aiuti alle imprese #adessonewsitalia

Pubblicato in GU n 270 del 18 novembre il Decreto aiuti quater (Dl n 176)  che introduce misure urgenti in materia di energia elettrica, gas naturale e carburanti.

Sulla base dell’autorizzazione parlamentare già ricevuta, il decreto prevede uno stanziamento pari a circa 9,1 miliardi di euro, provenienti dall’extragettito fiscale, per finanziare interventi contro il caro energia.

Tra le principali novità la rimodulazione del Superbonus per le villette e la novità del “quoziente familiare”. 

Per le novità sui fringe benefit ti consigliamo:

Ti potrebbero interessare:

Per orientarti tra i tanti incentivi alle imprese ti consigliamo Tutto finanziamenti: PNRR e altri incentivi un’utile bussola delle agevolazioni con aggiornamenti gratuiti fino a dicembre 2022.

1) Decreto Aiuti quater: contributo straordinario imprese dicembre e rate per le bollette

Con uno stanziamento di 3,4 miliardi di euro, si proroga fino al 31 dicembre 2022 il contributo straordinario, sotto forma di credito d’imposta, a favore delle imprese e delle attività come bar, ristoranti ed esercizi commerciali per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale.
Confermate le aliquote potenziate del credito di imposta pari a:

  • 40 per cento per le imprese energivore e gasivore;
  • 30 per cento per imprese piccole che usano energia con potenza a partire dai 4,5 kW.

Per approfondimenti sui crediti energia leggi anche Crediti d’imposta energia imprese: si aggiunge il bonus per dicembre 

Contro il caro bollette, per fronteggiare l’incremento dei costi dell’energia, le imprese potranno richiedere ai fornitori la rateizzazione, per un massimo di 36 rate mensili, degli importi dovuti relativi alla componente energetica di elettricità e gas naturale per i consumi effettuati dal 1° ottobre 2022 al 31 marzo 2023 e fatturati entro il 30 settembre 2023.

Viene specificato che SACE S.p.a. è autorizzata a concedere una garanzia pari al 90 per cento degli indennizzi generati dalle esposizioni relative ai crediti vantati dai fornitori di energia elettrica e gas naturale residenti in Italia. 

La garanzia è rilasciata a condizione che l’impresa non abbia approvato la distribuzione di dividendi o il riacquisto di azioni negli anni per i quali si richiede la rateizzazione, sia per sé stessa che per quelle del medesimo gruppo.

2) Decreto Aiuti quater: superbonus e quoziente familiare

Per le novità sul superbonus:

  1. si anticipa la rimodulazione al 90% per le spese sostenute nel 2023 per i condomini 
  2. si introduce la possibilità, anche per il 2023, di accedere al beneficio per i proprietari di singole abitazioni, a condizione che si tratti di prima casa e che i proprietari stessi non raggiungano una determinata soglia di reddito (15mila euro l’anno, innalzati in base al quoziente familiare)
  3. il superbonus si applica invece al 110 per cento fino al 31 marzo 2023 per le villette unifamiliari che abbiano completato il 30 per cento dei lavori entro il 30 settembre 2022.

Vediamo alcuni dettagli.

Secondo i calcoli del Ministro Giorgetti il superbonus ha sforato di circa 38 miliardi, pertanto per non pesare sulla prossima legge di bilancio, il Governo con la misura cerca di ridurre i costi dell’incentivo.

Il regime transitorio del superbonus si concretizza in una clausola che mantiene il 110% anche il prossimo anno per chi alla data di entrata in vigore del decreto abbia già effettuato la comunicazione di inizio lavori (Cila) o presentato la documentazione necessaria negli interventi di demolizione e ricostruzione. 

Il bonus continuerà a essere al 110%, fino al 2025 per gli interventi realizzati dalle Onlus sulle strutture sociosanitarie.

Per le villette resta la proroga al 31 marzo 2023 per il completamento dei lavori di chi, al 30 settembre, aveva raggiunto il 30% degli interventi. 

Mentre per i nuovi interventi arriva l’incentivo al 90%, con un doppio vincolo, le riqualificazioni potranno riguardare solo le unifamiliari utilizzate come prima casa da contribuenti che non superano una certa soglia di reddito.

Per calcolare la soglia fissata a 15.000 euro occorrerà sommare tutti i redditi della famiglia e dividerli poi per un coefficiente determinato dal numero di membri del nucleo famigliare. 

Secondo la bozza del decreto, il coniuge aggiunge un punto al denominatore, un terzo componente, come un figlio, aggiunge uno 0,5 mentre per i componenti successivi al terzo, come ad esempio un secondo figlio, si torna all’unità.

3) Decreto Aiuti quater: proroga riduzione accise e IVA

In  considerazione  del  perdurare  degli  effetti  economici derivanti  dall’eccezionale  incremento  dei  prezzi  dei   prodotti energetici, a decorrere dal 19 novembre 2022 e fino  al  31  dicembre 2022: 

  • a) le aliquote di accisa, di cui all’allegato I  al  testo  unico delle  disposizioni  legislative   concernenti   le   imposte   sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative, di cui al decreto legislativo 26 ottobre  1995,  n.  504,  dei  sotto indicati prodotti sono rideterminate nelle seguenti misure: 
    • 1) benzina: 478,40 euro per mille litri; 
    • 2) oli da gas o gasolio usato come carburante: 367,40 euro  permille litri; 
    • 3) gas di petrolio  liquefatti  (GPL)  usati  come  carburanti:182,61 euro per mille chilogrammi; 
    • 4) gas naturale usato per autotrazione:  zero  euro  per  metro cubo; 
  • b)  l’aliquota  IVA  applicata  al   gas   naturale   usato   per autotrazione e’ stabilita nella misura del 5 per cento. 

In dipendenza della rideterminazione dell’aliquota di accisa sul gasolio usato come carburante, l’aliquota di  accisa  sul  gasolio commerciale usato come carburante, non si applica per il periodo dal 19  novembre  2022  e fino al 31 dicembre 2022.

4) Decreto Aiuti quater: esenzione IMU settore spettacolo

L’art 12 del DL Aiuti quter reca una norma di interpretazione autentica in riferimento alle esenzioni IMU per il settore dello spettacolo ai sensi della quale:

  • per gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3 
  • destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, 
  • a condizione che i proprietari siano anche gestori delle attività lì esercitate,
  • l’IMU non è dovuta per gli anni 2021 e 2022.

Si dispone che tali previsioni devono interpretarsi nel senso che la seconda rata dell’IMU per l’anno 2022 non è dovuta nel rispetto del Regolamento Ue 18 dicembre 2013 n. 1407 relativo all’applicazione degli artt 107 e 108 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”. 

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.fiscoetasse.com/approfondimenti/15098-decreto-aiuti-quater-in-gazzetta-cambiano-superbonus-e-aiuti-alle-imprese.html”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.