........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Le province italiane con i consumi e costi luce e gas più alti #adessonewsitalia

L’aumento dei prezzi di luce e gas si è fatto sentire un po’ in tutta Italia, con l’arrivo dell’autunno e l’accensione dei riscaldamenti per diverse ore al giorno, nonostante le novità che sono state introdotte dal Governo per aiutare i consumatori nel sostenerne i costi. 

Un’analisi condotta da SOStariffe.it e Segugio.it si è concentrata su quelle che rappresentano le Regioni più energivore d’Italia, ovvero quelle in cui i costi di luce e gas sono davvero alle stelle. 

Vediamo di seguito quali sono stati i risultati di tale analisi e quanto si può risparmiare se si sceglie di passare dal mercato tutelato alle migliori offerte del mercato libero. Si potrà notare che il risparmio è reale, non solo per chi consuma di più, ma anche per chi consuma di meno o ha già attivato una promozione luce e gas insieme. 

Consumi luce e gas: dove si spende di più in Italia

Lo studio del quale parleremo ha preso in considerazione come sono cambiati i costi delle offerte luce e gas nel corso di un anno, ovvero nel periodo compreso tra ottobre 2021 e ottobre 2022. 

Prendiamo per prima cosa in considerazione le offerte sulla componente luce, dove la città che consuma di più è Nuoro, in Sardegna, in cui sono stati registrati 3.579 kWh annui –  corrispondono, a conti fatti, a una spesa annua di 2.260 euro.

Sul podio troviamo poi:

  • Pistoia, che ha un consumo annuo medio di 3.489 kW, il quale corrisponde a un totale di 2.204 euro annui: passando al mercato libero questa cifra potrebbe ridursi a 2.016 euro, con un risparmio di 188 euro;
  • Cagliari, la quale si aggiudica il terzo posto con consumi annui pari a 3.487 kWh e una spesa che corrisponde a 2.203 euro all’anno. 

Anche in questa ipotesi, il passaggio a una delle migliori offerte luce del mercato libero permetterebbe di risparmiare circa 188 euro, spendendo un totale di 2.015 euro l’anno.

Per quanto riguarda la città in cui si consuma di meno, ovvero Campobasso, che si attesta sui 1.417 kWh annui – ovvero 955 euro a famiglia – anche in questo caso, cambiare con il mercato libero significherebbe riuscire a risparmiare fino a 76 euro, spendendone soltanto 879 all’anno. 

Se vuoi valutare quali sono le proposte con le quali si può effettivamente risparmiare passando dal mercato tutelato a quello libero, scopri quali sono le offerte luce più convenienti del momento

Offerte gas: dove si consuma di più in Italia

Spostandoci, invece, sull’analisi dei consumi di gas, la città che si trova in cima alla classifica oggi è Vercelli, la quale raggiunge in un anno 934 Smc di media, per una spesa totale di 2.794 euro per le famiglie in regime di Maggior Tutela.

Subito dopo, troviamo:

  • Isernia, con 912 Smc di consumi annui e una spesa per una famiglia in regime di Tutela di 2.691 euro;
  • Vibo Valentia, che ha invece un consumo annuo di 905 Smc, i quali corrispondono a 2.745 euro annui

Quanto si potrebbe risparmiare passando a una delle migliori promozioni sul gas del mercato libero? Nel primo caso 122 euro, arrivando a spendere fino a 2.672 euro invece di 2.794 euro. 

Negli altri due casi, il risparmio corrisponderebbe a:

  • 152 euro, con un totale annuo di 2.539 euro;
  • 152 euro, con una spesa annua da sostenere che scenderebbe a 2.593 euro. 

La città nella quale si consuma meno gas, invece, è Imperia, in Liguria. In questo caso, i consumi medi annuali corrispondono a 538 Smc, con una spesa media di 1.595 euro. Il passaggio al mercato libero consentirebbe di risparmiare 91 euro e di spendere 1.504 euro in un anno (il dato da sempre riferimento al consumo di una famiglia). 

Scopri quali sono le offerte gas più conveniente tra tutte

Per concludere con l’analisi delle offerte luce e gas, nell’ipotesi di promozione luce e gas insieme con lo stesso operatore, le città che potrebbero risparmiare di più passando al mercato libero sono:

  1. Brescia, che pagherebbe fino a 332 euro in meno all’anno, per un totale medio per luce e gas pari a 3.850 euro all’anno;
  2. Reggio Emilia, nel quale se oggi si spendono 4.647 euro in un anno in regime di Maggior Tutela, si potrebbero risparmiare 331 euro, arrivando a pagare 4.316 euro di luce e gas all’anno;
  3. Crotone, città nella quale oggi i consumi per luce e gas arrivano fino a 4.544 euro in un anno. Passando, invece, dalla Maggior Tutela alle offerte gas del mercato libero, si potrebbe abbattere la spesa fino a 324 euro, spendendo 4.544 euro annui.

Italiaonline presenta prodotti e servizi che possono essere acquistati online su Amazon e/o su altri e-commerce. In caso di acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Italiaonline potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. I prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo: è quindi sempre necessario verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://quifinanza.it/soldi/le-province-italiane-con-i-consumi-e-costi-luce-e-gas-piu-alti/676870/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.