........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

La crisi delle criptovalute: Ftx come Lehman? #adessonewsitalia

Il crollo dell’exchange di criptovalute FTX, uno dei più grandi e rinomati attori nel mercato degli asset digitali, sta suscitando allarme tra le persone che possiedono criptovalute e tra gli investitori di un settore che solo un anno fa sembrava in continua ascesa. Molti stanno paragonando l’implosione di FTX a un “momento Lehman“, riferendosi al crollo del 2008 della banca d’investimento che ha provocato onde d’urto in tutto il mondo.

Venerdì, infatti, FTX ha dichiarato bancarotta negli Stati Uniti attraverso il cosiddetto Chapter 11. La mossa è arrivata pochi giorni dopo che il rivale più grande Binance ha fatto marcia indietro sui suoi piani per acquisirla, dopo una crisi di liquidità dovuta al ritiro di fondi da parte dei clienti, e vani tentativi di raccogliere circa 9 miliardi di dollari per far fronte alle sue necessità. Il CEO Sam Bankman-Fried si è dimesso dalla carica ed è stato sostituito da John J. Ray III, anche se il numero uno uscente rimarrà per assistere nella transizione.

“Il sollievo immediato del Chapter 11 è appropriato per fornire al gruppo FTX l’opportunità di valutare la propria situazione e sviluppare un processo per massimizzare i recuperi per le parti interessate“, ha affermato Ray, promettendo che condurrà “questo sforzo con diligenza, completezza e trasparenza”. Ray ha sottolineato che “le parti interessate dovrebbero capire che gli eventi sono stati in rapido movimento e che il nuovo team è stato coinvolto solo di recente”.

Non solo Lehman… casi eclatanti che hanno scosso i mercati

Oltre al paragone con Lehman Brothers, in questi giorni molti stanno paragonando il crollo di FTX allo scandalo Enron, la frode aziendale del 2001 che ha provocato il fallimento a sorpresa della compagnia energetica statunitense. Tra questi c’è l‘ex segretario al Tesoro Lawrence Summers: “Molte persone lo hanno paragonato a Lehman. Io lo paragonerei a Enron – ha detto – I ragazzi più intelligenti nella stanza. Non solo errori finanziari, ma – certamente dai rapporti – ipotesi di frode. Vasta esplosione di ricchezza di cui nessuno capisce bene da dove venga“.

Una fonte di preoccupazione che parlare di momento verità per il mondo crypto è il fatto che quello fondato da Bankman-Fried fosse una delle aziende più in vista del settore e il CEO uno dei principali sostenitori dell’industria delle criptovalute. Durante l’estate, quando il valore delle crypto è diminuito, Bankman-Fried ha investito circa 1 miliardo di dollari per salvare altre aziende. Ora, sono pochi i cavalieri bianchi rimasti per salvare FTX e altri in pericolo.

“Il numero di entità con bilanci più solidi in grado di salvare quelli con un capitale basso e un’elevata leva finanziaria si sta riducendo all’interno dell’ecosistema crypto”, hanno affermato gli analisti di JPMorgan. Inoltre, questo caso “rinforza l’idea che qualsiasi tipo di impresa finanziaria necessita di un’ampia regolamentazione – hanno detto gli analisti di UBS – Probabilmente entro il 2024, il mondo intero sembrerà molto più coerente e a tenuta stagna”.

Una situazione da Far West: serve regolamentazione

A pesare sulla sicurezza dell’industria delle criptovalute è infatti ancora una diffusa mancanza di regole. “Nel sistema delle cripto la maggior parte degli scambi non sono regolamentati e mancano del tutto sia un’istituzione che vigili sul mercato, come ad esempio la Consob in Italia, sia salvagenti di ultima istanza, come quelli che hanno salvato il sistema finanziario nel 1998 o nel 2008″, ha spiegato Roberto Rossignoli, Portfolio Manager di Moneyfarm.

“Questa struttura ha dunque permesso la proliferazione e il commercio di prodotti esotici, complessi e potenzialmente rischiosi per gli investitori – ha aggiunto – Pertanto, quando scoppia la bolla, le ripercussioni sono drastiche se confrontate con i mercati finanziari tradizionali”.

Ciò però potrebbe presto cambiare. Gary Gensler, capo della SEC (Securities and Exchange Commission), la Consob statunitense, ha dichiarato giovedì che gli investitori in crypto “hanno bisogno di una migliore protezione“. La stampa americana ha riferito che la SEC e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti stanno indagando su FTX. La licenza di FTX per gestire un’attività di investimento in Europa è stata sospesa dal regolatore finanziario cipriota, poche ore dopo che l’exchange di criptovalute ha dichiarato bancarotta negli Stati Uniti. La Cyprus Securities and Exchange Commission ha dichiarato di aver sospeso la licenza di FTX Europe perché sospettata di presunte violazioni di diverse leggi.

Le autorità monetarie e di regolamentazione dei mercati finanziari stanno valutando i profili di una normativa del settore, che però appare molto diversificato e soprattutto soggetto ad una grande volatilità. Ma qualcosa si può fare anche quando il mercato crolla…

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://quifinanza.it/editoriali/la-crisi-delle-criptovalute-ftx-come-lehman/676182/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.