........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Sì al dl Aiuti ter, Draghi: “Stanziati 30 miliardi di aiuti senza scostamento di bilancio”. No del premier a un secondo mandato. “Le sanzioni alla Russia funzionano, c’è chi parla di nascosto con Mosca e vuole toglierle” #adessonewsitalia

Dal bonus per i redditi sotto una certa soglia ai contributi per i trasporti, i prestiti per le bollette, un altro stop alle accise, fino ai sostegni per le aziende agricole. Il Consiglio dei ministri ha approvato l’ultimo atto del governo Draghi, il terzo decreto Aiuti, «14 miliardi di euro per famiglie e imprese, che si aggiungono a quasi 50 nei mesi scorsi, nel complesso un valore superiore a 60 miliardi di euro pari a 3.5% del Pil», ha delineato il premier in conferenza stampa, forse l’ultima del suo mandato, in cui non ha Draghi non ha mancato di affrontare anche tutti gli altri temi di politica che stanno agitando la campagna elettorale in questi ultimi giorni.

Innanzitutto la possibilità di un suo «ritorno» e un secco «no» a un secondo mandato. Poi il capitolo Russia: «Il governo non condivide la posizione del leader della Lega Salvini», ha spiegato Draghi. «Le sanzioni funzionano, la la propaganda russa ha cercato di dimostrare il contrario ma non è vero». Ma l’attacco vero e proprio è arrivato quando il premier ha dichiarato: «C’è chi parla di nascosto con i russi, chi vuole togliere le sanzioni. C’è pure lui in campagna elettorale, ma la maggioranza degli italiani non lo fa e non lo vuole fare. Io guardo alla maggioranza degli italiani e al governo che ha avuto l’onore di presiedere».

Tornando al cuore della conferenza, il dl Aiuti ter varato dal consiglio dei ministri, Draghi ha spiegato: «È stato un altro Cdm ricco di provvedimenti, leggi, interventi a sostegno in molti campi. Prima di tutto aiuti alle famiglie e alle imprese per la crisi energetica, il caro bollette e più in generale il caro vita. Poi, abbiamo accelerato l’attuazione del Pnrr sulle riforme strutturali con l’obiettivo di raggiungere il maggior numero di obiettivi prima del prossimo governo e, come terzo punto, per dare attuazione alla diversificazione energetica dal gas russo e verso le fonti rinnovabili». Tra le varie misure «vorrei indicarne una particolarmente interessante per il pagamento delle bollette», ha evidenziato ancora: «Dal sistema bancario c’è disponibilità a lavorare insieme per il Paese, sono pronti a dar prestiti al tasso dei Btp senza commissioni aggiuntive a imprenditori e imprese che si presentano per il pagamento della bolletta, e anche in generale per il capitale circolante. Prestiti garantiti dallo Stato ma gratuiti, a differenza che in passato». 

Ma il Consiglio dei ministri ha anche dovuto deliberare lo stato di emergenza per la Regione Marche dopo l’ondata di maltempo di stanotte. Accanto al voto decreto, il governo ha anche registrato il no della Lega al decreto legislativo sulla concorrenza in tema di concessioni e servizi pubblici locali. Ecco, capitolo capitolo, tutte le misure adottate dal governo.

Dl Aiuti ter, la conferenza stampa di Draghi con i ministri Cingolani e Franco

Bonus da 150 euro alle famiglie 
Tra i vari provvedimenti contenuti nel Dl Aiuti ter arriva il bonus da 150 euro per i redditi sotto i 20 mila euro. Come si legge il sostegno è «in favore dei soggetti residenti in Italia, titolari di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione». Il bonus sarà erogato con decorrenza entro il 1° ottobre 2022 e interessa i redditi Irpef fino a 20.000 euro.

Nove miliardi e mezzo ai crediti d’imposta alle imprese
I crediti d’imposta, in scadenza a fine settembre, andranno in proroga ed è previsto un loro potenziamento. Nel quarto trimestre 2022 il credito d’imposta verrà esteso alle piccole imprese, da ottobre varrà quindi per tutte le aziende. Fino al 30 settembre sarebbe dunque confermato l’attuale meccanismo, con credito d’imposta al 25% per le imprese energivore e al 15% per le altre imprese con consumo maggiore di 16,5 MW. Per i mesi di ottobre e novembre le aliquote salgono al 40% per gli energivori e del 30% per le imprese più piccole che impiegano energia elettrica con una potenza dai 4,5 kw in su. A supporto delle imprese si trova anche la previsione di garanzie statali gratuite per le imprese che ricorrono ai finanziamenti «per esigenze di capitale d’esercizio per il pagamento delle fatture, per consumi energetici, emesse nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022».

Prestiti per pagare le bollette 
A supporto delle imprese, ma anche delle famiglie, si trova anche la previsione di garanzie statali gratuite per le imprese che ricorrono ai finanziamenti «per esigenze di capitale d’esercizio per il pagamento delle fatture, per consumi energetici, emesse nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022». Draghi ha sottolineato che il meccanismo è «del tutto simile a una rateizzazione delle bollette, che è difficile da fare. Il sistema bancario si è messo a disposizione per offrire questi prestiti all’interesse dei Btp». 

Stop alle accise sulla benzina
Il Consiglio dei ministri ha confermato inoltre la riduzione delle accise su gasolio e benzina, che per il momento arriva fino al 18 ottobre. La proroga con l’Aiuti Ter arriva a tutto ottobre, ma si confida di coprire tutto novembre per via amministrativa. Una voce da 190 milioni riguarda poi il sostegno alle aziende agricole, con interventi per la riduzione dei costi del gasolio agricolo, dei trasporti e dell’alimentazione delle serre. Dieci milioni in più sono previsti per il bonus trasporti.

Al servizio sanitario 400 milioni
Per il servizio sanitario nazionale è previsto, inoltre, uno stanziamento di 400 milioni – suddiviso tra le regioni e province autonome – per far fronte ai rincari nel settore ospedaliero, comprese Rsa e strutture private.

Fondo per l’housing universitario
Previsto anche il rifinanziamento di 10 milioni per le scuole paritarie. Sul tema istruzione, per creare nuovi posti letto presso alloggi o residenze per studenti delle istituzioni della formazione superiore, «è istituito fino al completamento del Pnrr» il «Fondo per l’housing universitario», con una dotazione pari a 660 milioni di euro. «Abbiamo fatto un passo avanti nell’attuazione del @PNRRistruzione – ha dichiarato il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi –: la riforma degli Istituti tecnici e professionali è una parte fondamentale del Piano, che punta a qualificare il nostro sistema di istruzione».

Alle sale teatrali e da concerto 40 milioni
Per «mitigare gli effetti» dell’aumento dei costi di fornitura di energia elettrica e di gas sostenuti da sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e istituti e luoghi della cultura «è autorizzata la spesa di 40 milioni di euro per l’anno 2022». «Così come avvenuto nella pandemia, il governo si mobilita per un aiuto concreto e immediato per sostenere le attività dei luoghi della cultura nel momento della crisi energetica», commenta il Ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.lastampa.it/politica/2022/09/16/news/consiglio_dei_ministri_dl_aiuti_ter_oggi-8809236/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.