........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

IMU 2022: come si calcola? Istruzioni, aliquote ed esempio pratico #adessonewsitalia

Come funziona il calcolo dell’IMU 2022? Tra pochi giorni cade la scadenza per l’acconto, o prima rata, fissata al 16 giugno 2022.

Per il versamento della prima rata occorre utilizzare come punto di riferimento per determinare l’imposta le aliquote fissate dal comune in cui è ubicato l’immobile stabilite nell’anno antecedente (in realtà sul sito del Mef è possibile notare che qualche Comune ha già provveduto a determinare l’aliquota, in questo caso si potrà utilizzare la nuova).

Per il saldo, da versare entro il 16 dicembre 2022, sarà invece necessario utilizzare i regolamenti comunali relativi all’anno dell’imposta in modo da determinare gli importi effettivamente dovuti e versarli.

I Comuni possono differire i termini dei versamenti in presenza di situazioni particolari, fra le quali può essere ricondotta l’emergenza epidemiologica.
Tra le principali cose da sottolineare vi è l’accorpamento di IMU e TASI in un’unica imposta, la nuova IMU.

Guida al calcolo IMU 2022

Formula e coefficienti

Per un corretto calcolo dell’IMU sono necessari tre dati fondamentali:

  • rendita catastale dell’immobile;
  • coefficiente;
  • aliquota stabilita dal Comune (per il primo acconto si può utilizzare l’aliquota fissata per l’anno antecedente).

Il punto di partenza del calcolo IMU è la determinazione della base imponibile. Nello schema che segue ci sono i criteri di determinazione della base imponibile in base alla tipologia catastale.

RENDITA RIVALUTATA

Tipologie Basa imponibile
Immobile iscritto in catasto rendita catastale rivalutata del 5% X moltiplicatore IMU
Immobile classificabile in categoria “D” valore contabile X coefficiente ministeriale
Aree fabbricabili il valore è costituito da quello di mercato al 1° gennaio dell’anno di imposizione
Terreni agricoli il valore è costituito da quello ottenuto applicando all’ammontare del reddito dominicale risultante in catasto, vigente al 1° gennaio dell’anno di imposizione, rivalutato del 25%, un moltiplicatore pari a 135.

Va ricordato come le variazioni di rendita catastale intervenute in corso d’anno, a seguito di interventi edilizi sul fabbricato o di accertamenti da parte dell’Agenzia delle Entrate, producono effetti dalla data di ultimazione dei lavori, o dalla data di cambiamento della rendita.

Per determinare la base imponibile bisogna applicare alla rendita catastale rivalutata, si veda tabella soprastante, il coefficente Imu, il quale varia a seconda della tipologia catastale dell’immobile.

BASE IMPONIBILE

categorie catastali Moltiplicatore IMU Tipologie di immobile
Da A/1 a A/11 esclusa A/10 160 abitazioni di tipo: signorile, civile, economico, popolari, ultrapopolari, rurali, villini, ville, castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici, alloggi tipici dei luoghi
A/10 e D/5 80 Uffici, studi privati, Istituto di credito, cambio e assicurazione (con fine di lucro)
Da B1 a B8 140 Collegi e convitti, case di cura e ospedali non a scopo di lucro, prigioni e riformatori, uffici pubblici, scuole e laboratori, biblioteche, musei, gallerie, accademie, circoli
C/1 55 Negozi e botteghe
C/2, C/6, C7 160 Magazzini e locali di deposito, stalle, scuderie, tettoie
C/3, C/4, C/5 140 Laboratori per arti e mestieri, fabbricati e locali per esercizi sportivi non a scopo di lucro, stabilimenti balneari
Da D/1 a D/10 (escluso D/5) 65 Opifici, alberghi e pensioni, teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli e simili, case di cura e ospedali, fabbricati e locali per esercizi sportivi

Una volta determinata la base imponibile si potrà procedere al calcolo dell’IMU sulla base delle aliquote di riferimento.

Imu 2022, guida alla tassa sulla casa: chi paga, quanto e scadenze

Le aliquote per il calcolo IMU

La normativa prevede un’aliquota “standard” e la possibilità per i Comuni di applicare una variazione in aumento o in diminuzione in un range predeterminato. Le aliquote IMU devono essere determinate con delibera del Consiglio Comunale:
entro il termine per l’adozione del bilancio di previsione dell’anno di riferimento (termine solitamente differito con disposizione di legge o decreto del Ministro dell’interno [art. 1, comma 169, della legge n. 296 del 2006] e pubblicata sul sito entro il 28 ottobre dell’anno di riferimento.

L’aliquota di base generalmente è fissata allo 0,86% su tutto il territorio nazionale e può essere variata dai singoli comuni a determinate condizioni ed entro determinati limiti. Segue la tabella ufficiale del MEF divisa per categorie di immobili.
In sostituzione della TASI viene concesso ai comuni di applicare una maggiorazione dell’IMU.
Per le abitazioni locate a canone concordato la base imponibile IMU è ridotta al 75%.

Le aliquote e le regole previste per ogni fattispecie si trovano nella tabella del MEF che mettiamo di seguito a disposizione:

fattispecie norma di riferimento aliquota stabilita dalla legge aliquota minima che può essere stabilita dal comune aliquota massima che può essere stabilita dal comune ex maggiorazione Tasi (art. 1, comma 755, della legge n. 160/2019)
abitazione principale di categoria catastale A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7 art. 1, c. 740, L. n. 160/2019 Esente Esente Esente non previsto
abitazione principale di categoria catastale A/1, A/8 e A/9 (* si applica una detrazione di euro 200) art. 1, c. 748, L. n. 160/2019 0,5%* 0 0,6 %* non previsto
fabbricati del gruppo catastale D art. 1, c. 753, L. n. 160/2019 0,86 %(0,76% riservato allo Stato) 0,76% 1,06% non previsto
fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati (fabbricati merce) art. 1, c. 751, L. n. 160/2019 0,1 %(esenti dal 2022) 0 0,25% (esenti dal 2022) non previsto
fabbricati rurali strumentali art. 1, c. 750, L. n. 160/2019 0,1 % 0 0,1% non previsto
altri fabbricati (fabbricati diversi da abitazione principale, fabbricati del gruppo catastale D, fabbricati merce, fabbricati rurali strumentali) art. 1, c. 754, L. n. 160/2019 0,86 % 0 1,06 % 1,14 %
aree fabbricabili art. 1, c. 754, L. n. 160/2019 0,86 % 0 1,06% 1,14%
Terreni agricoli (se non esenti ai sensi dell’art. 1, comma 758, legge n. 160/2019) art. 1, c. 752, L. n. 160/2019 0,76 % 0 1,06% non previsto

Esenzione IMU da indicare in dichiarazione: chiarimenti dal MEF per le partite IVA

Esempio di calcolo IMU

Dopo le nozioni teoriche e l’analisi delle novità introdotte nell’ultimo periodo, facciamo un esempio pratico di calcolo IMU 2021:

Immobile cat. A/2
Redita catastale euro 369,27
Aliquota IMU: 0,86%

Rendita Rivalutata: 369,27 + (369,27 x 5%) = 387,73
Base imponibile : 387,73 X 160 = 62.037,36
IMU : 62.037,36 X 0,86% = 533,52
ACCONTO IMU : 533,52/2 = 266,76

IMU 2022: paga l'inquilino o solo il proprietario? A chi spetta l'esenzione

Esenzione IMU abitazione principale

Per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e i componenti del suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente.

Sono esenti IMU gli immobili relativi ad abitazione principale non di lusso (A2, A3, A4, A5, A6 e A7).

Non sono esenti IMU gli immobili relativi ad abitazione principale di lusso (A1, A8 e A9). In questo caso dall’imposta lorda si detraggono 200 euro. La detrazione spetta a ciascun soggetto che la adibisce come abitazione principale.

IMU prima casa 2021: ecco chi paga

Riduzione base imponibile IMU 50%

In sede di calcolo IMU 2022 bisognerà considerare le agevolazioni previste, tra cui la riduzione base imponibile al 50% per i seguenti immobili:

  • fabbricati di interesse storico o artistico;
  • fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni;
  • le unità immobiliari concesse in comodato d’uso gratuito dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Si tratta del caso in cui il genitore concede un suo immobile in comodato d’uso al figlio affinché stabilisca ivi la sua residenza ed eventualmente quella della famiglia.

Novità IMU 2022

Occorre ricordare che l’articolo 22 del decreto legge 21 del 21 marzo 2022 Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi Ucraina riconosce un credito di imposta pari al 50% della seconda rata dell’IMU versata il 2021 in favore delle imprese che operano nel settore del turismo.
Possono beneficiare di questa agevolazione:

  • agriturismo;
  • strutture ricettive che operano all’aria aperta;
  • imprese del comparto fieristico e congressuale;
  • complessi termali;
  • parchi tematici, faunistici e acquatici

Ricordiamo inoltre che dal primo gennaio 2022 i coniugi che hanno residenze diverse devono scegliere per quale immobile usufruire dell’esenzione IMU destinata alla prima casa e devono comunicare tale scelta al Comune contestualmente alla dichiarazione IMU.

Scadenze fiscali giugno 2022: Imu, Irap, autocertificazione Covid, tutti gli appuntamenti

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.money.it/calcolo-imu-2022-istruzioni-esempio-come-fare”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.