........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Flat tax incrementale o per le partite Iva: Meloni ragiona sul taglio immediato delle tasse, ecco come #adessonewsitalia

Avanti tutta sull’estensione della flat tax fino a 100mila euro di fatturato”. Matteo Salvini non molla: dopo i risultati deludenti delle elezioni politiche ha ricevuto un nuovo mandato dai dirigenti della Lega a rappresentare il partito e ora spinge sui cavalli di battaglia del Carroccio, tra cui proprio la tassa piatta. Il pressing su Giorgia Meloni è forte: si punta a un primo intervento già in legge di Bilancio.

La presidente del Consiglio in pectore, però, avrà diversi problemi a far quadrare i conti: le emergenze sono tante, le voci di spesa ancora di più e le coperture latitano. La coperta, insomma, è corta, e si farà fatica anche solo per confermare tutti gli aiuti contro il caro-energia varati da Draghi, oltre che prevedere qualche aiuto contro i nuovi rincari di gas e luce e forse qualche lieve aumento in busta paga.

Flat tax, le novità per le partite Iva: ci sarà davvero un taglio delle tasse?

Per questo la leader di Fratelli d’Italia continua a protendere di più per la flat tax incrementale. Dal partito, poi, alcuni fanno notare che mentre Salvini chiede la tassa piatta in Veneto il governatore leghista Luca Zaia sta meditando su un possibile aumento dell’Irpef ai redditi medio-alti. Una contraddizione, insomma. Vediamo nel dettaglio come potrebbe essere estesa la flat tax e con quali costi.

Addio alla tassa unica per tutti

Innanzitutto quello che sembra certo è che per ora la tassa unica al 15% o al 23%, come promesso da Salvini e Berlusconi in campagna elettorale, non si può fare. La versione più bassa, secondo le stime del 2019 (quando Salvini voleva farla approvare dal governo Conte I), costerebbe tra i 50 e i 60 miliardi di euro.

La cifra si può abbassare se si prevede una prima estensione dell’attuale regime forfettario ai dipendenti con redditi medi e ai pensionati senza assegni d’oro, ma difficilmente sarebbe inferiore ai 15 miliardi di euro. Con una tassa al 23%, invece, il costo sarebbe compreso tra i 20 e i 30 miliardi ogni anno: una vera e propria finanziaria ogni dodici mesi.

Flat tax, possibile allargamento per le partite Iva

Che queste ipotesi per ora siano impossibili sembra essersene reso conto anche Salvini, che infatti punta solo sull’allargamento del regime agevolato per le partite Iva (attualmente pagano il 15% di Irpef fino a 65mila euro di reddito annuo). L’estensione della flat tax per gli autonomi fino a 100mila euro costerebbe circa 1 miliardo di euro.

Nuovo bonus da 150 euro e aiuti contro il caro bollette: cosa conterrà il primo decreto Meloni

Chi ci guadagnerebbe con la flat tax incrementale

La flat tax incrementale, invece, sarebbe valida sull’aumento dei redditi dichiarati. Per fare un esempio: se nell’anno X ho dichiarato 60mila euro e nell’anno successivo dichiaro 65.000 euro, sui 5.000 euro in più sarà applicata la flat tax al 15% o 23%. La misura sarebbe sostanzialmente a costo zero, nel senso che non ridurrebbe le entrate attuali, ma garantirebbe aumenti di entrate minori rispetto a quelli che ci sarebbero con il sistema di oggi.

Ad essere coinvolti sarebbero i lavoratori dipendenti (che vedrebbero aumentare la retribuzione per le ore di straordinario lavorate in più o avrebbero un premio sugli incrementi di stipendio per un tempo limitato) e gli autonomi (se ampliano il reddito e quindi la clientela, anche oltre la soglia attuale dei 65mila euro di reddito).

Il caso Veneto: aumento delle tasse ai ricchi?

Nel frattempo in Veneto, il presidente Zaia fa i conti con un bilancio regionale molto difficile in un momento di crisi e per questo ragiona sulla reintroduzione dell’addizionale Irpef sui redditi medi ed alti, eliminata tredici anni fa. Frutterebbe circa 300 milioni di euro annui, da destinare alle persone più fragili colpite dai costi insostenibili di gas e luce.

Confindustria avverte il governo di centrodestra: “Non possiamo permetterci flat tax e prepensionamenti”

L’aliquota si applicherebbe sui redditi superiori ai 15mila euro. Per uno che va dai 15 ai 28mila, sarebbero 44 euro in più l’anno, oltre i 30mila supererebbe i 50 euro. Per ora è solo un’ipotesi, che Zaia discuterà con i sindacati in un tavolo nelle prossime settimane.

Ma la notizia non può che fare rumore visto il pressing a Roma del Carroccio per abbassare le tasse quasi alle stesse fasce sociali. Tutto ciò alimenta le voci di una possibile futura spaccatura dei governatori leghisti del Nord e forse di una sorta di “ribaltone interno” per cambiare la leadership.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.money.it/flat-tax-incrementale-partite-iva-meloni-taglio-tasse-ecco-come”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.