........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

750 acceleratori di startup #adessonews

Il Regno Unito è al primo posto in Europa nel business delle startup

Secondo il rapporto del Centre for Entrepreneurs (CfE), i programmi di incubatori e acceleratori di imprese sono quasi raddoppiati negli ultimi 5 anni e, in tutto il Regno Unito, sono attivi oltre 750 programmi strutturati di avvio di imprese. Si stima quindi che circa 19.600 aziende siano supportate ogni anno, rappresentando 1 su 20 nuove aziende.

Questo studio esamina lo stato di acceleratori, incubatori e organizzazioni di supporto alle startup nel Regno Unito. I numeri totali sono quasi il doppio di quelli trovati nell’ultimo rapporto comparabile, pubblicato da NESTA nel 2017, che indica un fiorente settore di supporto alle imprese e un importante fattore di successo nell’economia imprenditoriale del Regno Unito.

Il rapporto è il risultato di uno sforzo di ricerca di 9 mesi con oltre 100 programmi esaminati in modo approfondito.

 

I risultati chiave del rapporto sul Regno Unito

Il team di ricerca ha trovato oltre 400 incubatori, 300 acceleratori e 100 altri programmi di supporto per aiutare le nuove imprese e le Pmi a crescere e prosperare. I programmi sono stati identificati in tutto il Regno Unito e, sebbene la maggiore concentrazione sia a Londra, ora ci sono incubatori anche in Scozia, Irlanda del Nord e Galles.

Il finanziamento pubblico contribuisce per circa 1/3 del finanziamento totale al settore e viene utilizzato dai gestori di incubatori e acceleratori per sfruttare considerevolmente più denaro dal settore privato ed è quindi fondamentale per questa importante attività.

Il Ceo di Cfe, Timothy Barnes, ha sottolineato l’importanza di questo rapporto: «Gli incubatori e gli acceleratori sono parti critiche dell’infrastruttura di supporto per le nuove imprese, in particolare quelle con il potenziale per scalare e creare posti di lavoro e crescita economica per l’intero Paese».

E aggiunge: «La rapida crescita del numero e dell’ambizione di questi programmi è un forte indicatore della salute dell’ecosistema imprenditoriale del Regno Unito. Mentre emergiamo dalle difficoltà economiche degli ultimi anni e guardiamo avanti a tempi più turbolenti, un supporto aziendale di buona qualità dovrebbe essere importante per tutti».

 

I numeri più interessanti emersi dal sondaggio

Il dottor Christopher Haley, autore principale del rapporto, ha condotto anche l’ultimo sondaggio comparabile nel 2017: «La scala di crescita non è qualcosa che ci aspettavamo di vedere ed è molto gradita. Ci sono problemi per il settore con imminenti cambiamenti ai finanziamenti del settore pubblico che presentano sia opportunità per nuove attività che una potenziale minaccia per attività di successo che dovrebbero essere protette dato l’impatto e il valore dei programmi di sostegno alle imprese per il PLC del Regno Unito».

I nuovi imprenditori in tutte le 38 aree hanno ora accesso a un incubatore, che in genere fornisce spazi di lavoro sovvenzionati, apprendimento e formazione aziendale.

Londra e la Tees Valley, nel nord dell’Inghilterra, vantano entrambe il maggior numero di incubatori e acceleratori ogni 10.000 imprese. Il Galles e l’Irlanda del Nord hanno visto il numero di hub aumentare a un ritmo più rapido rispetto all’Inghilterra, mentre la Scozia ne ha leggermente meno rispetto al 2017.

Matthew Smith, un membro anziano del Cfe, ha dichiarato: «In tempi incerti è una buona cosa che ci sia un supporto così forte per le startup in ogni partnership imprenditoriale locale nel Paese, cosa che non era il caso 5 anni fa».

A differenza degli incubatori, gli acceleratori selezionano le imprese promettenti per partecipare a un programma strutturato di sostegno che dura per un determinato periodo di tempo. In cambio, i proprietari di solito vendono una percentuale del loro capitale invece di pagare le commissioni.

 

La preoccupazione per i finanziamenti

Seedcamp è un acceleratore europeo con sede a Londra che ha investito in startup tra cui Revolut, Hopin e Wise. Un altro incubatore interessante è Entrepreneur First, che a giugno ha raccolto 130 milioni di sterline in un round di serie C da artisti del calibro di Tom Blomfield di Monzo.

Smith, tuttavia, ha espresso preoccupazione per il fatto che molti incubatori e acceleratori dipendano dai finanziamenti pubblici, mettendo in discussione la loro sostenibilità dopo l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

Dall’inizio del 2021 non sono stati impegnati nuovi fondi europei dopo la Brexit e i flussi di finanziamento esistenti si stanno esaurendo. Il fondo di prosperità condiviso del governo del Regno Unito, un pilastro centrale del suo programma di livellamento, è progettato per coprire parte del deficit.

Print Friendly, PDF & Email

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.millionaire.it/750-acceleratori-di-startup/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.